Audit Normativo settore Alimentare

L’Audit Normativo nel settore alimentare è volto a fornire l’evidenza del rispetto degli adempimenti normativi con particolare riferimento alla normativa relativa alla sicurezza alimentare contemplata nel cosiddetto pacchetto Igiene, ovvero il gruppo di regolamenti e direttive che riordinano la normativa comunitaria in materia di igiene e controlli sulla sicurezza alimentare presso la propria sede e/o struttura/e di proprietà o strutture convenzionate o GDO.

L’audit normativo alimentare è uno strumento che permette ad un’azienda di conoscere lo stato di adeguatezza igienico-sanitario sia riferito alla propria sede, sia riferito a sedi distaccate. A tal fine sono presi in esame sia il piano HACCP, che le procedure di sanificazione, nonché i requisiti di igienicità di strutture ed operatori con riferimento alla normativa specifica di comparto.

Grande importanza viene data all’analisi dei comportamenti, fondamentale per comprendere il grado di consapevolezza e di conoscenza delle eventuali problematiche da parte dei lavoratori e gestori dei siti. L’analisi è la base per poter intraprendere le corrette ed efficaci azioni mirate alla risoluzione dei problemi nel rispetto delle leggi cogenti, con effettuazione di Audit che ricalcano l’effettuazione di ispezioni da parte di organi ufficiali (es. NAS e ASL).

HACCP
HACCP_1

Come opera SCAN Srl

Le attività previste presuppongono dapprima dei sopralluoghi presso i siti aziendali finalizzati alla presa visione delle condizioni igienico-sanitarie in cui l’azienda opera. A fronte di queste indagini, con la compilazione di opportune check-list, si provvederà alla verifica di:

  • Adeguatezza del piano HACCP dall’azienda
  • Adeguatezza, completezza ed aggiornamento delle analisi microbiologiche e ambientali
  • Presenza della documentazione cogente richiesta dalla normativa vigente per la sicurezza alimentare (es. attestati di formazione HACCP, denunce inizio attività, certificazioni impianti e attrezzature)
  • Utilizzo di abbigliamento idoneo (es. copricapo, guanti in lattice) presso la struttura
  • Rispetto delle procedure di sanificazione della struttura
  • Corrette  identificazione  e  monitoraggio  dei  CCP  (punti  critici  di controllo)
  • Corretta compilazione della modulistica prevista dal piano HACCP
  • Corrette modalità di conservazione, preparazione, confezionamento e trasporto degli alimenti
  • Corrette  modalità  di  identificazione,  rintracciabilità  e  prova  delle procedure di richiamo dei prodotti alimentari

Tale  audit,  in  base  alle  esigenze  che  si  riscontreranno  sul  campo  potrà contemplare aspetti operativi piuttosto che legislativi o documentali, al fine di:

  • Stabilire  se  i  documenti  autorizzativi  sono  conformi  alla  normativa volontaria o cogente applicabile nel settore alimentare
  • Verificare   se   il   personale   responsabile   della   corretta   tenuta   e aggiornamento degli adempimenti legislativi relativi alla sicurezza alimentare ha la necessaria competenza e professionalità per il corretto svolgimento del ruolo
  • Verificare le possibili criticità sulla gestione degli aspetti per la sicurezza alimentare, quali ad esempio carenze igieniche di struttura, non corrette modalità di conservazione alimenti, carenza di pulizia del personale e/o della struttura.

Al termine della Verifica si procede alla redazione di un dettagliato rapporto corredato eventualmente con rilievi fotografici e rilievi strumentali (es. verifica temperature), sul quale potranno essere rilevate sia le eventuali non conformità riscontrate sia i punti di forza delle stato di applicazione della normativa per la sicurezza alimentare.
Gli scostamenti indicati potranno quindi essere impiegati dal Cliente allo scopo di intervenire con opportune azioni correttive.

HACCP_2
Translate »